/ Senza categoria / Frosinone: i servizi sociali “rapiscono” due bambine affidate alla zia

Frosinone: i servizi sociali “rapiscono” due bambine affidate alla zia

download (1)
admin on 9 aprile 2021 - 14:16 in Senza categoria

 

Senza motivo sono state portate in una comunità. La zia denuncia gli assistenti sociali per sottrazione di minore

FROSINONE (9 Aprile 2021). Ha dell’incredibile quanto accaduto lunedì a due sorelline di 8 e 11 anni, che vivono in provincia di Frosinone e che da tre anni sono affidate alla zia materna: convinte di andare a un incontro protetto con il padre, sono state invece “rapite” dagli assistenti sociali, che le hanno portate in una comunità nascosta. Sarebbe logico se questo fosse avvenuto in un contesto familiare degradato, se le bambine fossero state in grave pericolo o vivessero in un contesto di abbandono morale e materiale. Invece da tre anni sono affidate alla zia, con cui hanno uno splendido rapporto e alla quale sono molto affezionate. Frequentano la scuola con ottimo profitto e al pomeriggio la zia ha sempre garantito loro la frequenza ad attività ludiche e sportive.

Non solo. Diversi mesi fa la zia si era rivolta all’Istituto Nazionale di Pedagogia Familiare affinché le bambine ricevessero una valutazione pedagogica e un programma didattico personalizzato, per consentir loro di essere seguite nel migliore dei modi anche dal punto di vista della formazione scolastica: perché acquisissero una buona metodologia di studio e raggiungessero gli obiettivi previsti con soddisfazione e autostima. La zia, dunque, ha curato sia l’ordinario che lo straordinario delle bambine, avvalendosi anche dell’ausilio di una equipe di professionisti.

Il team dell’Istituto – che seguiva le bambine – ne aveva rilevato l’estrema necessità di stabilizzarsi e di vivere serenamente quell’equilibrio familiare che finalmente avevano trovato con la famiglia della zia dopo aver vissuto una condizione di grave disagio. Dopo le indicibili sofferenze a cui erano state sottoposte, infatti, avevano trovato stabilità e calore familiare.

Bambine brave e finalmente serene, quindi; ecco perché risulta ad oggi incomprensibile il motivo per il quale lunedì pomeriggio sono state allontanate dalla zia all’improvviso e senza che, per altro, vi sia un provvedimento da parte del Tribunale per i minorenni di Roma. Al quale la zia, attraverso lo studio legale Miraglia, si è rivolta ora, chiedendo di dichiarare illegittimo l’allontanamento delle sue nipotine.

Non ultimo, la donna ha denunciato gli assistenti sociali del Comune del Frusinate in cui risiede per abuso di potere e sottrazione di minori: quando si è rivolta a loro, incredula, chiedendo il motivo per cui le nipoti le fossero state strappate così, senza preavviso, senza un abito di ricambio, senza i loro libri di scuola, convinte di andare a trovare il papà, si è sentita rispondere che adesso sono loro i tutori delle bimbe e che possono disporre come meglio credono, avendo “pieni poteri e diritti decisionali”. «Ma chi glieli ha attributi questi poteri?» domanda l’avvocato Miraglia «dal momento che manca un provvedimento e che fu il giudice tutelare, nel 2018, ad aver affidato alla zia materna le due ragazzine, ritenendola la situazione idonea per la loro crescita serena e facendo decadere la potestà di entrambi i genitori: la mamma soffre di disordini psicologici e psichiatrici, il padre non riesce ad occuparsi delle figlie e si è sposato con una donna che, per sua stessa ammissione, è alquanto severa e molto poco amorevole con le bambine.

La Prof.ssa Palmieri, si unisce alla preoccupazione espressa dall’Avv. Miraglia, rappresentando – proprio sulla base delle osservazioni effettuate presso il proprio Istituto – l’estremo bisogno di certezze familiari e di equilibrio da parte delle bambine. «Questo “rapimento” rappresenta, infatti, un fatto pericoloso per la loro salute psichica: il distacco improvviso e forzato dai primi affetti sperimentatati in famiglia, dopo tante sofferenze, le scaraventa in un rischio involutivo-patologico grave. Chi ha operato tale scelta scellerata lo ha fatto non considerando le importanti conseguenze che già nel breve periodo si verificano sulla salute mentale delle bambine.
Ecco perché è necessario che queste tornino immediatamente agli affetti familiari; ecco perché è fondamentale che la zia possa riabbracciarle presto, raccontando loro che è stato solo un brutto sogno e che nessuno tornerà più a spezzare quella serena stabilità che si era appena cominciata a costruire».

Le due sorelline devono tornare a casa dalla zia. Ci auguriamo che il Tribunale per i minorenni di Roma voglia mettere immediatamente mano al loro fascicolo e che la Procura minorile prenda le distanze da questi operatori, altrimenti saremo davanti ad un doppio abuso. Purtroppo sembra che si sia una “Bibbiano” pure a Frosinone».

 

 

 

0 POST COMMENT

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.