/ Evidenza / Tribunale per i minorenni di Ancona: ancora troppe irregolarità e immobilismo.

Tribunale per i minorenni di Ancona: ancora troppe irregolarità e immobilismo.

download
admin on 11 marzo 2021 - 11:32 in Evidenza

Avvocato Miraglia: «Auspichiamo che il nuovo ministro di Giustizia, Marta Cartabia, faccia ciò che non è stato fatto finora e intervenga prontamente con delle ispezioni»

ANCONA (11 Marzo 2021). Cinquecento giorni senza un provvedimento: da tanto sta attendendo la madre di una bambina marchigiana, che il Tribunale dei minorenni di Ancona ha affidato, senza motivo, a una coppia amica del Giudice relatore della causa. Un anno e mezzo senza che otto istanze urgenti e decine di missive abbiano sortito alcun effetto: è evidente, ormai, che al Tribunale di Ancona qualcosa non funzioni e si tenti inequivocabilmente di “insabbiare” il procedimento, facendo calare un velo sulla vicenda e permettendo così alla famiglia affidataria di adottare di fatto la figlia della donna. Un affido, tra l’altro, ad una famiglia con enormi problematiche comprovate.

«La vicenda sta andando di male in peggio» dichiara l’avvocato Miraglia «e a questo punto, oltre a un intervento del Consiglio superiore della magistratura, chiediamo che il Ministero di Giustizia invii subito degli ispettori. Nel frattempo abbiamo presentato un esposto per il reato di rifiuto di atti di ufficio contro il presidente del Tribunale dei minorenni di Ancona e il Giudice relatore. L’esposto è stato inviato al Presidente del Tribunale e al Consiglio giudiziario, pertanto ne sono perfettamente a conoscenza, cosi come il Presidente della Corte d’appello, che già dal 30 settembre scorso è stato informato su ciò che accade al Tribunale dei minorenni di Ancona e che auspichiamo possa essere convocato e sentito sul caso».

Che sta succedendo quindi al Tribunale per i minorenni di Ancona?

Nel caso di questa bambina, il giudice relatore del Tribunale per i minorenni delle Marche di Ancona è stato querelato dalla madre, per aver affidato appunto la figlia a una coppia di suoi amici che non possono avere figli. Il caso è reso ancora più oscuro da fatto che un ex collega del Giudice è stato incaricato di supervisionare gli incontri tra la minore e la madre biologica, mentre un altro suo storico collega assiste come consulente di parte la famiglia affidataria. Una vicenda che si è cercato di insabbiare e nascondere attraverso una serie di intrecci, pressioni, sparizioni di documenti, che meritano un intervento da parte del Csm, non fosse altro per comprendere cosa sia accaduto nella gestione di questo caso, ma soprattutto come funzioni questo Tribunale.

Non è comunque l’unico caso “irregolare”: un altro bambino è oggetto, incredibilmente, di due procedimenti aperti in contemporanea, uno di affidamento e uno di adozione. Quantomeno curioso. Intanto il piccolo vive come fosse stato già adottato dalla famiglia affidataria e non vede la sua mamma da circa tre anni. L’affidamento dovrebbe essere invece una condizione temporanea, in attesa di ricomporre, con l’aiuto delle istituzioni, la serenità all’interno della famiglia di origine, dove ogni bambino ha il diritto, sancito per legge, di rientrare.

   

 

0 POST COMMENT

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.