a
Sorry, no posts matched your criteria.
Image Alt
 • Evidenza  • Avvocatessa Bolognese vive in una comunità con la sua bambina di un anno

Avvocatessa Bolognese vive in una comunità con la sua bambina di un anno

Timore per la bimba: dopo aver trascorso l’intera sua piccola vita in ospedale per problemi di salute, avrebbe bisogno di tranquillità e di un ambiente quanto più sterile possibile

BOLOGNA (01 Giugno 2021). Incomprensibile la decisione assunta dai Servizi sociali bolognesi nei confronti di una donna, uno stimato avvocato, e della sua bambina, che il suo anno di vita lo ha trascorso interamente in ospedale, per gravi problemi di salute: sono costrette a vivere in una comunità, senza che però vi sia la necessità di metterle in salvo da un immediato pericolo o che necessitino di un qualsivoglia aiuto. Il motivo che ha spinto gli assistenti sociali ad assumere un simile provvedimento, è stata “l’opposizione alle terapie e ai suggerimenti del personale sanitario, l’atteggiamento polemico verso gli operatori e l’aver impedito le cure necessarie alla salute della piccola”. Motivazione che non rispecchia in alcun modo la vicenda come si è svolta nella realtà dei fatti.

L’avvocatessa vive sola e poco più di un anno fa ha dato alla luce una bambina, che ha mostrato fin da subito grossi problemi di salute e la necessità di essere sottoposta, a poche settimane di vita, al primo di una lunga serie di interventi chirurgici.

La bimba, infatti, ha subito ben sei interventi, tre dei quali a cuore aperto. L’evento che ha scatenato il procedimento è stato quando, dopo la quinta operazione, la madre si è opposta al trasferimento della figlia nel reparto di pediatria, sostenendo che la piccola stesse ancora troppo male per essere collocata in un reparto non specializzato. E infatti la bambina, le cui condizioni sono peggiorate sensibilmente, è stata sottoposta d’urgenza ad un ulteriore intervento. La madre quindi ci aveva visto giusto, aveva capito che qualcosa non andava, a dispetto di quanto affermavano i medici. Sta di fatto, però, che per questa sua “opposizione”, pur comprovatamente motivata, è stata segnalata ai Servizi sociali, che hanno provveduto a formalizzare la presa in carico di madre e figlia, collocandole, una volta che la piccola è stata dimessa dall’ospedale, in una comunità di accoglienza.

«Un contesto che non si addice alle necessità della piccola» dichiara l’avvocato Miraglia, al quale si è rivolta la donna, «la quale, a causa delle patologie di cui soffre, seppure al momento stabile, rischia di contrarre delle infezioni e conseguentemente di aggravare di nuovo la propria condizione di salute. È evidente che il collocamento presso la dimora della madre sarebbe la soluzione più consona alle esigenze di questa bambina».

Non si capisce quindi il motivo per il quale questa donna non possa ritornare nella tranquillità di casa propria, anche perché all’interno della comunità madre e figlia sono alloggiate senza che sia stato predisposto per loro un progetto di sostegno, un percorso di qualunque tipo. Parcheggiate e basta. «L’attuale collocazione» prosegue l’avvocato Miraglia «non è quindi giustificata né dal punto di vista dei fatti né dal punto di vista del diritto. A cosa serve una simile collocazione in comunità? Sarebbe importante che il Tribunale per i minorenni dell’Emilia Romagna spiegasse quale sia l’obiettivo di tale collocamento: è pacifico che la mancata risposta non fa che avvelare quella tesi che sostiene che siffatte collocazioni siano parte integrante di quel mercato fatto sulla pelle dei bambini».

La donna ha presentato quindi istanza urgente al Tribunale per i minorenni di Bologna, confidando che venga accolta quanto prima possibile, nell’interesse della salute di una piccina così fragile, che per tutta la sua vita ha conosciuto solo ambienti estranei e asettici e mai il calore della propria casa.

 

Fondatore dello studio Miraglia Associato, esperto di Diritto penale, di Famiglia e Diritto Minorile; giornalista-pubblicista; mediatore familiare (Iscra di Modena 2012); mediatore criminale e intelligente nell’investigazione (Istituto Universitario della Mediazione Vibo Valentia 2013); docente e direttore di master all’INPF (Istituto Nazionale Pedagogia Familiare)